BIOdiversità agraria - ZOOtecnia biologica - TECnologie per un’agricoltura sostenibile

Fagiano Tenebroso

Il fagiano Tenebroso è il risultato di una mutazione melanica del fagiano comune. Questa mutazione melanica fu notata per la prima volta da Lord Rothschild a Elveden nel 1888

Il fagiano Tenebroso (Phasianus colchicus var. tenebrosus) è il risultato di una mutazione melanica del fagiano comune.
Una delle caratteristiche di questo fagiano sono le zampe nere in entrambe i sessi mentre la parte inferiore delle dita è più o meno chiazzata di biancastro.

Questa mutazione melanica fu notata per la prima volta da Lord Rothschild a Elveden nel 1888 e in tre, quattro anni divenne molto comune. Accoppiando fagiani tenebrosi con fagiani comuni, o mongolia, non si ottiene una forma intermedia ma bensì fagiani che assomigliano o all’uno a all’altro dei due genitori: in seconda generazione i due tipi ritornano distinti.
La mutazione melanica non appartiene solo al colchico ma anche agli altri gruppi di fagiani come il mongolia, il formosano, ecc. L’evidenziazione di tale mutazione nel colchico sta però ad individuare che questo fagiano, nei secoli, ha avuto una maggiore utilizzazione essendo allevato sia allo stato libero che in semidomesticità dal tempo dei romani.
A differenza degli altri i fagiani tenebrosi sono quasi neri dalla nascita.

Peculiarità del fagiano tenebroso sono:
- buona quantità di uova deposte;
- buona rusticità della prole e facilità di allevamento;
- buon legame al territorio.

Fagiano Tenebroso
  • Razza autoctona nelle regioni: Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Veneto